Street art a Catania

  • 6:00 h
  • 15 KM
  • Intermedio

Per scoprire la street art a Catania, la cosa migliore da fare sarebbe perdersi in lunghe passeggiate e munirsi di occhi ben aperti e uno smartphone per catturare la bellezza che tanti artisti di fama nazionale e internazionale hanno voluto lasciare come omaggio alla nostra città. Uno dei luoghi certamente più “caldi” è il San Berillo District: un ex quartiere a luci rosse e oggi spazio riqualificato che, ogni giorno di più, si arricchisce di arte e di nuove ispirazioni street che si osmotizzano con luoghi ricchi di memoria, di razze, di istanze sociali, anche grazie all’iniziativa privata di chi, come Trame di Quartiere, propone la rigenerazione urbana a partire da arte, cultura, creatività. O chi, come il collettivo catanese Res Publica Temporanea, ha dato il via al progetto Red Line Distreet.

Sono arrivati prima la rappresentazione di Mama Africa di Luprete e il ritratto di San Berillo (sempre dello street artist Luprete assieme al collettivo FX) e poi, piano piano, la street art – come meravigliosamente raccontato dal volume “Street Art in Sicilia” (una guida da non perdere per conoscere a fondo la street art catanese, scritta da Mauro Filippi, Marco Mondino e Luisa Tuttolomondo  ed edita da Dario Flaccovio Editore) ha popolato vicoli, porte murate,  muri del quartiere. Un buon punto di partenza, dunque, è proprio il quartiere, prima di spostarsi all’ex deposito AMT – dove si sta pian piano sviluppando un museo a cielo aperto di street art –  prima di proseguire verso il centro e Squibb, uno slargo amato particolarmente dalla scena hip hop catanese.

Dopo un salto al Monumento ai Caduti di San Giovanni Li Cuti, dove, tra uno spettacolo e l’altro, è possibile incrociare breakers e amanti del parkour, tappa obbligata è la zona del porto di Catania. Naturalmente dopo aver ammirato almeno la facciata del Laboratorio Urbano Popolare Palestre Lupo e i suoi dintorni e aver fatto una capatina nel cuore pulsante del quartiere della Civita e del suo Teatro Coppola (con uno sguardo ammirato al portone dipinto da Julieta XLF). Giunti agli Archi della Marina, dunque, tappa obbligata saranno i silos di Catania.

E – nonostante un percorso attraverso la street art catanese prevederebbe almeno un’altra decina di tappe aggiuntive in giro per la città – certamente, val la pena di allungare il percorso almeno sino al quartiere popolare di Librino, dove i promotori della propagazione della street art sono stati molteplici. Basti pensare all’associazione “I briganti di Librino” e a Res Publica Temporanea con il progetto Librino Sky Line Distreet come opere di riconnessione tra quartiere, arte e città e la nota “Porta della Bellezza”, progetto della Fondazione Fiumara D’Arte di Antonio Presti.

1
San Berillo, Catania

San Berillo

Cultura, Luoghi Tipici

Si racconta che per conoscere la città si deve dare uno sguardo al quartiere. San Berillo mostra ai suoi visitatori tanti volti e sfaccettature fatti di palazzi incompiuti o distrutti dai bombardamenti e di altri prima barocchi, ora appartenenti all’architettura fascista o semplici case dall’architettura povera.

2
Opere urbane nell

Ex Rimessa AMT

Cultura, Luoghi Tipici

Un nuovo progetto “AMT ART PROJECT” grazie al quale riempire degli spazi, attraverso iniziative per far nascere nuovi luoghi d’arte e aggregazione urbana.

Scopri l’arte urbana contemporanea in spazi in cui non avresti mai creduto di poterla vedere.

3
Le scale di Largo Paisiello

LARGO PAISIELLO O SQUIBB

Cultura, Luoghi Tipici

Largo Paisiello è uno spazio poliedrico, sito nel cuore di Catania, un luogo d’incontro per skaters e writers, considerato a inizio Novecento un elegante spazio della Catania della Bella Epoque.

Un punto di ritrovo dove riunirsi con gli amici, dove i ragazzi vengono ad esibirsi con performance di writing, skating, breakdance e chiamano “Squib o Squibb".

4
Il monumento ai caduti

Monumento ai Caduti

Cultura, Luoghi Tipici

Un luogo che guarda al mare e che è stato uno dei tanti simboli della Catania che mira alla rigenerazione urbana: a due passi dal borgo di San Giovanni Li Cuti.

Mentre passeggi per il lungomare di Catania fermati ad osservare il Monumento ai Caduti, simbolo di rinascita della città.

5
Silos, Catania

Street Art Silos

Cultura, Gallerie e luoghi d’Arte

Il porto della città di Catania è diventato luogo d’arte a cielo aperto. Otto silos trasformati in un grande complesso monumentale del XXI secolo; non semplici rappresentazioni grafiche ma un racconto contemporaneo delle tradizioni siciliane.

Da visitare assolutamente per apprezzare la street art a pochi passi dai monumenti barocchi.

6
La porta della bellezza

Porta della bellezza

Cultura, Monumenti

La Porta della Bellezza nel quartiere di Librino è una scultura monumentale in terracotta, la più grande opera in terracotta al mondo. Segno di condivisione e accoglienza, Il progetto comprende le opere di diversi scultori italiani accomunate dalla tematica “La Grande Madre”.