Mè Cumpari Turiddu

Bakery, Bistrot, Ristoranti, Sale da the, Shopping
Piazza Spirito Santo, 36 - 95131 Catania
095 7150142

Tutti i giorni dalle ore 10.30 al 1.00

Entrare da Mè Cumpari Turiddu significa gustare la buona cucina siciliana a tutte le ore, dalla colazione alla notte.

Ma chi è Mè Cumpari Turiddu? Un figlio e nipote di emigranti, che cresce in America con la nonna siciliana appassionata di cucina, la quale ha un ricettario di famiglia arricchito e scambiato con altre donne siciliane emigrate e vicine di cortile. Un ricettario che viene riproposto dalla nonna a Turiddu, il quale cresce con i racconti di storie di una Sicilia che non ha mai visto. Diventato adulto decide di scoprire la Sicilia raccontata di 50 anni prima, la Sicilia di prodotti a rischio di estinzione e spesso presidi slow food: comincia così per Turiddu un viaggio nel passato alla scoperta delle sue radici e tradizioni attraverso i presidi slow-food.
Questo è il motivo per cui nel ristorante c’è un ricettario molto ampio con ricette catanesi, sciclitane, messinesi, ma con una parte di America che porta con sé: la musica jazz.

Anche l’architettura ha una propria particolarità: sedie e piatti di recupero tutti diversi, centrini delle torte e tutto ciò che recuperi la tradizione.

Un luogo in cui sembrerà quasi di andare a casa del compare: un locale dove la porta è sempre aperta e la tavola è sempre imbandita a tutte le ore, in maniera diversa. E dove gustare cibo stagionale, piccole produzioni artigianali e presidio slow food siciliano.

Dalla caffetteria con colazioni con pane e marmellata o uovo alla coque. O il bistrot con lo street food siciliano, ma alla maniera dei nonni: mafaldine e pagnotte con capuliato ragusano o mortadella, panino con la salsiccia, pitoni, focacce alla messinese. E poi, insalata, zuppe, frittate con una cucina aperta dalle 10.30 all’1.00.
Per la merenda, c’è la sala da thè con thè biologico siciliano, mentre per chi vuole assaporare le prelibatezza del ristorante, sono ricchi e gustosi i piatti a base di carne (dal suino nero dei Nebrodi all’asino ragusano fino al manzo siciliano) e pesce (pesce azzurro, non utilizzando pescato che si possa trovare dappertutto, ma specie stagionali). E ancora, una ricca selezione di dolci (da provare il Susimi, tiramisù siciliano) e la possibilità di acquistare in putìa tutto ciò che si mangia.