Ara di Ierone

Cultura, Monumenti
Viale Paradiso - 96100 Siracusa
0931 66206

    Lunedì a Domenica dalle ore 9,00 alle ore 18,00

    Intero € 10,00

    Ridotto (da 18 a 25 anni) € 4,00
    Residenti di Siracusa e Provincia € 1,00
    Gratuito per i membri della Comunità Europea al di sopra dei 65 anni e al di sotto dei 18

    Uno dei monumenti più rappresentativi della ricchezza di Siracusa ancora nel III secolo a. C. è il gigantesco altare, probabilmente dedicata a Zeus Eleuterio, fatto erigere da Ierone II per i sacrifici pubblici.

    Quella che ci rimane è la parte basamentale, interamente scavata nella roccia (198 x 22,80), mentre l’elevato è stato depredato, come anche gli altri monumenti dell’età classica, dagli Spagnoli nel XVI secolo che utilizzarono i blocchi già squadrati per l’edificazione delle fortificazioni di Ortigia.
 All’interno del monumento gli animali da sacrificare (fino a 450) accedevano per mezzo di due rampe contrapposte, a nord e a sud della costruzione, mentre al suo centro vi era un ulteriore rialzo dove ardevano i fuochi per la combustione sacrificale.

    Nella rampa di nord, quella più vicina alla ringhiera di viale Paradiso, sono ancora visibili i piedi di uno dei telamoni (quello di destra) che adornavano gli ingressi.
 L’ampia piazza antistante era cinta da un grande portico (14 colonne nei lati corti e 64 nei lati lunghi) al centro del quale vi era una grande vasca con un basamento destinato a sostenere, forse, una statua.